domingo, 21 de novembro de 2010

"G"

GANZ UNTER UNS
(Bruhn - Behrle)

Ganz unter uns
mein lieber Freund
zum Glücklich werden
gehört auf Erden
ein treuer Mann

Lacht ein fremder Boy
wenn wir tanzen zu mir rüber
machst du ein Gesicht
weil du denkst, er wär' mir lieber

Der gute Mann, der ist tabu
denn mein Typ bist ganz allein du
darum hör zu:

Ganz unter uns
mein lieber Freund
die andern Männer
sind ohne Chance
die schau ich weiter gar nicht an

Ganz unter uns
mein lieber Freund
zum Glücklich werden
gehört auf Erden
ein treuer Mann

Ich bin so verliebt
wie noch nie zuvor im Leben
und es wird für mich
nie mehr einen andern geben

Doch ab und zu
gibt's ein Problem
du willst auch nach anderen sehn
so kann's nicht gehn

Ganz unter uns
mein lieber Freund
die andern Mädchen
in unserem Städtchen
die gehn dich weiter gar nichts an

Ganz unter uns
mein lieber Freund
zum Glücklich werden
gehört auf Erden
ein treuer Mann

Ganz unter uns
mein lieber Freund
die andern Mädchen
in unserem Städtchen
die gehn dich weiter gar nichts an

Ganz unter uns
mein lieber Freund
zum Glücklich werden
gehört auf Erden
ein treuer Mann. Du-du-du-ru-u!

RITA PAVONE - 1971
Dank an M. Sack, die den Liedtext nur nach Hören der Schallplatte kopiert hat.
* * *
GEMMA
(Rita Pavone - Carolain)

Gemma
Arrossice con gli occhi
E diventa di ghiaccio
Se soltanto la tocchi

Gemma
Che non parla per ore
Come avessi un macigno
Nel fondo del cuore

Gemma
Che si tiene in disparte
Alle feste fra amici
E lo fa quasi con arte

Gemma
Che la scopro a guardarmi
Mentre vanto i miei amori
E gli ingani

Ombre, da sempre
Negli occhi suoi ignari i miei
E un vuoto mi prende
Riaffiorano le immagini di lei

Gemma
Sempre troppo paziente
Anche quando la tratto
In un modo indecente

Gemma
Che non ha figli o marito
Perché in ogni sua storia
Ha perduto sempre, da sempre

Quegli occhi suoi distratti i miei
Oh, oh, vola... Uh!
La mente s'arrende ormai
Alla realtà di lei

(armonica a bocca)

Gemma
Che una notte fa il bagno
E si lascia a morire
In un ridicolo stagno

Gemma
Che ora m'apre il suo cuore
In questo foglio sgualcito
Incolore...

(armonica a bocca)

RITA PAVONE - 1989
* * *
GIAN BURRASCA
(Lina Wertmüller - Nino Rota)

Mi chiaman Gian Burrasca, Gian Burrasca
E proverò che non è giusto no! E no!
Mi chiaman Gian Burrasca, Gian Burrasca
Sol perché ce l'han tutti con me!

Mi chiamo Gianni, anzi, Giannino, sì, ma poi
Mi chiamerete Gian Burrasca, pure voi
E non è giusto, io protesto
No, non so un tale birbaccion!

Mi chiamano ciclone, tempesta, cataclisma
Mi chiaman Gian Burrasca e, a volte, anche Neron!
Io, invece, devo dire, che cerco d'ubbidire
E anche d'imparare la buona educazion!
Ma va sempre a finire che poi li fo arrabbiare
E io ci prendo il solito ceffon!

Gian Burrasca, Gian Burrasca, eccomi qua!
E no! Questo non mi va! Uffa!
Gian Burrasca, Gian Burrasca, sol perché
Ce l'han tutti con me, oh

(strumentale)

Mi chiaman Gian Burrasca, Gian Burrasca
E proverò che non è giusto no! E no!
Mi chiaman Gian Burrasca, Gian Burrasca
Sol perché ce l'han tutti con me!

Mi chiamo Gianni, anzi, Giannino, sì, ma poi
Mi chiamerete Gian Burrasca pure voi

Gian Burrasca, Gian Burrasca, eccomi qua!
E no! Questo non mi va! Uffa!
Gian Burrasca, Gian Burrasca
Sol perché ce l'han tutti con me!

RITA PAVONE - 1964
* * *
GIMME GIMME GOOD LOVIN' (Balla balla con noi)
(Levine - Cordell - Weigel)

Molly kam aus Georgia
John aus New Orleans
doch sie hatten beide nur
alte Schuh und Jeans und die Taschen leer

Gimme, gimme Good lovin'
sage ich dir, oh yeah
gimme, gimme Good lovin'
komm doch zu mir, oh-ah-ah-ah

Da sagt John zu Molly:
"Ich gehör' zu dir, wie der Fisch im Wasser
 wie die Sonne am Himmel über mir"

Gimme, gimme Good lovin'
sage ich dir, oh yeah
gimme, gimme Good lovin'
komm doch zu mir, ah-ah-ah-ah-ah

(instrumental)

Gimme, gimme Good lovin'
sage ich dir, oh ye-yeah
gimme, gimme Good lovin'
komm doch zu mir, oh yeah

Gimme, gimme Good lovin'
sage ich dir, ah-ah-ah-ah
gimme, gimme Good lovin'
komm doch zu mir, oh

Gimme, gimme Good lovin'
sage ich dir, eh-eh-eh
gimme, gimme Good lovin'
komm doch zu mir...

RITA PAVONE - 1969
* * *
GIMME SOME LOVIN'
(Winwood)

(Hey!)
Well, my temperature's rising my feet off the floor
a crazy people knocking 'cause they're wanting some more
ah, let me in, baby, I don't know what you've got
you'd better take it easy, this place is hot

And I'm so glad we made it, so glad we made it
you got... gimme some lovin' (Gimme, gimme some lovin')
Gimme some lovin' (Gimme, gimme some lovin')
Gimme some lovin'... (Gimme, gimme some lovin') every day

(instrumental)

(Hey!)
Well, I feel so good, little baby see the rock
you better take it easy, 'cause you're breakin' my heart
and cheat I have when I ask what to do
I will 'ave a day and I had to do

And I come back to baby, come back to baby
yeah! You become a man (Gimme, gimme some lovin')
Ah, you become a man (Gimme, gimme some lovin')
Ah, you become a man... (Gimme, gimme some lovin') every day

(instrumental)

(Hey!)
Oh, it feels so good, little things are yellow rock
you'd better take it easy, 'cause you're breakin' my heart
and I will have nothing and will like to do
and knowing don't you worry like everybody should

And I'm come back to baby, yes! Come back to baby
you got... gimme some lovin' (Gimme, gimme some lovin')
Oh, gimme some lovin' (Gimme, gimme some lovin')
So, gimme some lovin' (Gimme, gimme some looooo...).

RITA PAVONE - 1967
* * *

GIRA GIRA
(Cassia - Cenci - Holland - Dozier - Holland)

Perché mi parli d'amore se
Una soltando non basta a te?
Dovresti sempre amare la stessa
Ma per la strada tu volti la testa

Perché mi hai detto di "sì", ma poi
Gira, gira... Non è così!
Lo so che no, non è così!

Oh! Ma perché, se non sono chi vuoi tu?
Ma perché tu non vuoi lasciarmi più?

Perché mi parli di fedeltà
E non dice mai la verità?
C'è ci vuol bene soltanto una volta
Invece tu t'innamori di tante!

Perché mi hai detto di "sì", ma poi
Gira, gira... Non è così!
Oh! No, non è così!

Ah! Ma perché, se non sono chi vuoi tu?
E ma perché tu non vuoi lasciarmi  più?

(Ma perché, se non sono chi vuoi tu?
 Ma perché non dovresti amare più?)

E se tu sbagli, non torni più indietro
E più lontano dal naso non vedi
Perché una volta non puoi tu capire
Che tutti al mondo possiamo sbagliare?

Perché legarci per sempre se poi
Gira, gira... Io pagherò per tutti i due!
Oh, pagherò per tutti i due!

"-È questo che vuoi?"

Ah! Ma perché, se non sono chi vuoi tu?
Ma perché tu non vuoi lasciarmi più?
Ah! Ma perché, se non sono chi vuoi tu...

RITA PAVONE - 1966
* * *

Um comentário: