domingo, 21 de novembro de 2010

"M"

MA CHE TE NE FAI
(Cassia - Ireson)

Scaricate giù, tutto l'oro
E la montagna lo inghiottirà

Ma che te ne fai? Ma che te na fai?
Di quest'oro che ami più di te?

Quando l'oro scorderai (L'oro scorderai)
Più nessuno odierai (E sorriderai)
E se ricco non sarai (Ricco non sarai)
Sarai buono pure tu (Buono pure tu)

Ma che te ne fai? Ma che te ne fai?
Di quest'oro che ami più di te?

(Little Rita... Dolce e brava!
 Little Rita... Dolce e brava!)

Noi siamo tutti fratelli, ma
Per un po' d'oro ci mettiamo nei guai

Ma che te ne fai? Ma che te ne fai?
Di quest'oro che ami più di te?

Quando l'oro sparirà (L'oro sparirà)
L'uomo libero sarà (Libero sarà)
Fino a quando lo vorrai (E lo cercherai)
Uno schiavo resterai (Schiavo restarai)

(strumentale)

Ma che te ne fai? Ma che te ne fai?
Di quest'oro che ami più di te?

(Little Rita... Dolce e brava!
 Little Rita... Dolce e brava!)

Noi siamo tutti fratelli ma...
Per un po' d'oro ci mettiamo nei guai...

(Little Rita... Dolce e brava!
 Little Rita... Dolce e brava!
 Little Rita... Dolce e brava!
 Little Rita... Dolce e brava!).

RITA PAVONE - 1967
* * *
MA COS'È QUESTO AMORE
(Amurri - Canfora)

Io mi ricordo, sai
Come cominciò
Ma tu di certo no
Non lo ricorderai

Nella tua vita, ormai
Cosa conto più?
Se guardi appena in giù
Nemmeno mi vedrai

Ma, l'amore che ho in me
Non dipende da te
Ma, soltanto da me

Ma, cos'è questo amore?
Ma, cos'è questo amore?
Questa voglia di dire
Che ti voglio bene

Ma, cos'è questo amore?
Ma, cos'è questo amore?
Questa voglia di dare
Senza avere niente, niente, niente

Un'anno è lungo sai
Non finisce mai
E a questo punto ormai
La mia serenità

Non dipende da te
Ma, soltanto da me
Ma, soltanto da me

Ma, cos'è questo amore?
Ma, cos'è questo amore?
Questa voglia di dire
Che ti voglio bene

E, e ti senti impazzire
E ti senti morire
Se non hai dentro al cuore
Questa strana cosa che chiamano amore
Che chiamano amore

Ti senti impazzire
E ti senti morire
Se non hai dentro al cuore
Questa strana cosa che chiamano amore
Che chiamano amor... Amor.

RITA PAVONE - 1971
* * *
MA LEI È LEI... (What's the matter baby)
(Clyde Otis - Joy Byers - adattamento italiano di Rita Pavone)

Hmm, hmm, hmm... Hmm, hmm, hmm...

È andata come m'aspettavo
Anzi, pensavo: sarebbe durata di più
E invece lei ha spiazzato te e tutti quanti
E adesso, caro mio, a restare solo sei tu

Vorrei vedere con che faccia adesso
Porti a spasso la tua infelicità
Dimmi, dov'è la razionalità che ostentavi
Quando allora, caro, a lasciare me fosti tu

Se penso, se penso a tutto il male che ha fatto a noi
Se penso a com'eri diventato insieme a lei... Ricordo, mi dicevi:
"Senti: dacci un taglio, o vai a piangere di là
 Io ne ho abbastanza di questa mediocrità"

È andata come m'aspettavo... Peggio!
Io pensavo: sarebbe durata di più
Ma lei è lei... Non si smentisce mai, ci puoi giurare
E adesso a stare solo, a stare solo sei tu

Wow... Sai che ti succede?
La vita ti restituisce quello che le dai
E prima o poi sai che pagherai
Ed è quello che sta accadendo adesso, baby
Mi dispiace, ma è cosi... Mi dispiace, ma è così...

RITA PAVONE - 2013
* * *
MA VOLENDO
(F. Migliacci - C. Mattone)

Vivere in libertà
Fare quel che ci va
Senza nessuno che dice:
("-Non si può!")

Le scarpe sul sofà
Fare l'amore in tram
E mandare chi non ti va
In quel posto là!

Questo non si può, ma volendo...
Quest'altro non si fa, ma volendo...
Crollerebbe giù mezzo mondo
Ma lo faremo molto più tondo

L'orologio va, ma volendo...
Puoi fermarlo con un martello
Chi è che vive sempre correndo
Finchè sbatte il naso e fa pa-ta-trac!

Tutti al Polo Nord, quando è caldo
Tutti all'Equatore d'inverno
Questo non si può, ma volendo...
Far vacanza per tutto l'anno

E io che sono un po' giramondo
Vengo a casa tua e ci rimango
Non pretenderei mica tanto
Quattro pasti al giorno ed un buon caffè!

(Questo non si può) Ma volendo
(Quest'altro non si fa) Ma volendo
(Crollerebbe giù mezzo mondo) Ma volendo
(Questo non si può) Ma volendo... Sì!

(Questo non si può, ma volendo
 Quest'altro non si fa, ma volendo
 Crollerebbe giù mezzo mondo
 Ma lo faremo molto più tondo)

(Tutti al Polo Nord, quando è caldo
 Tutti all'Equatore d'inverno
 Questo non si può, ma volendo
 Far vacanza per tutto l'anno)

(Questo non si può) Ma volendo
(Quest'altro non si fa) Ma volendo...

RITA PAVONE - 1977
* * *
MAGARI POCO, MA TI AMO
(Victor - Cassia)

Ah, mi diverte quel momento che
Oh, tu sei lì che stai guardando me
E m'abbracci coi tuoi occhi e poi
E quello che non è successo mai, mai, mai
Lo inventa la tua mente
Oh, mi diverte tanto, tanto perché... Non vivi più

Ah, mi diverte quando chiami tu
E al telefono non parli più
Se ti dico sottovoce che
A quello che non t'ho permesso mai, mai, mai
Io sogno in quel momento
Ah, mi diverte tanto, tanto, ma... (Pah, pah, pah!)

Magari poco, ma ti amo (Pah, pah, pah!)
Magari poco, ma ti amo
Una mela cade s'è matura
Viene sola, sola giù dal ramo
Ma, una mela acerba non, non cade mai!

(Pah, pah!) A-shing-ba-ra-bin-bah! (Pah, pah!) Brrr... (Pah, pah!)
(Pah, pah!) A-shing-ba-ra-bin-bah! (Pah, pah!)  A-shing-ba-ra...

Ah, mi diverte quando chiami tu
E al telefono non parli più
Ah, se ti dico sottovoce che
A quello che non ti ho permesso mai, mai, mai
Io sogno in quel momento
Si diverte tanto, tanto, ma... (Pah, pah, pah!)

Magari poco, ma ti amo (Pah, pah, pah!)
Magari poco, ma ti amo
Sì, sì, una mela cade s'è matura
Viene sola, sola giù dal ramo
Ma, una mela acerba non, non cade mai!

Sha-pow! A-se-ra-sha-pow! Sha-pow! A-shing-ba-ra-bin-bah! Brrr...
A-shing-ba-ra-bin-bah! A-shing-ba-ra-bin-bah! Hmm...

Magari poco, ma ti amo (Pah, pah, pah!)
Magari poco, ma ti amo
Sì, sì, una mela cade s'è matura
Viene sola, sola giù dal ramo
Ma, una mela acerba non, non cade mai!

Sha-pow! A-se-ra-sha-pow! Sha-pow! Sha-pow!
A-shing-ba-ra-bin-bah! A-shing, shing! Brrr... A-shing-ba-ra-bin-bah!
Hmm! Hah, hah! A-shing-ba-ra-bin-bah! A-shing, shing...

RITA PAVONE - 1972
Grazie ad A. Arenas per copiare il testo della canzone, soltando sentindola del disco.
* * *
MAMMA DAMMI DA PANNA
(Bonicatti - D. Lee - A. Reynolds)

Woh! Yeah! (Ooh... Ooh, ooh, ooh, ooh...)

Cara mammina dimmi di sì
E dammi la torta che hai fatto tu
E poi farò tutto ciò che tu vuoi, che vuoi tu

Perciò, dai, mamma
Voglio solo la panna
Per tirar 'la Susanna
Una palla di panna
Grassa, grassa, grassa, grassa

Mamma, pure il figlio d'Apollo
Fece un giorno una palla
Con la pelle del pollo
Pollo, pollo, pollo, pollo

"-Dai, mamma! Una pallina così. Ah, dai!"

Cara mammina, tu non lo sai
Quello che ieri mi ha fatto lei:
Ha messo sale dentro il mio tè, nel mio tè!

Perciò, dai, mamma
Voglio solo la panna
Per tirar 'la Susanna
Una palla di panna in faccia, woh!

Mamma, pure il figlio d'Apollo
Fece un giorno una palla
Con la pelle del pollo
Pollo, pollo, pollo, pollo

(Ooh... Ooh, ooh, ooh, ooh...).

RITA PAVONE - 1966
* * *
MAN HAT'S NICHT LEICHT, ALS KLEINER FROSCH IM GROSSEN TEICH
(Bruhn - Behrle - Lex)

Man hat's nicht leicht
als kleiner Frosch im grossen Teich
die grossen Tiere schnappen frech
den kleinen alles vor der Nase weg

Man hat's nicht leicht
als kleiner Frosch im grossen Teich
doch mit Geduld und mit Geschick
hat man als Kleiner auch mal Glück

Ein alter Frosch erklärte seinen Kindern:
"Gefährlich ist des Lebens Lauf"
Er quakte laut: "Macht nicht zu grosse Sprünge
sonst kommt der Klapperstorch und frisst uns alle auf"

Man hat's nicht leicht
als kleiner Frosch im grossen Teich
die grossen Tiere schnappen frech
den kleinen alles vor der Nase weg

Man hat's nicht leicht
als kleiner Frosch im grossen Teich
doch mit Geduld und mit Geschick
hat man als Kleiner auch mal Glück

Auch Du und ich gehören zu den Kleinen
und manchmal ist das Leben schwer
doch ist das lange noch kein Grund zum Weinen
denn wer sich liebt hat keine grossen Sorgen mehr

Man hat's nicht leicht
als kleiner Frosch im grossen Teich
die grossen Tiere schnappen frech
den kleinen alles vor der Nase weg

Man hat's nicht leicht
als kleiner Frosch im grossen Teich
doch mit Geduld und mit Geschick
hat man als Kleiner auch mal Glück.

(Frosch quaken)

RITA PAVONE - 1971
* * *
MARAMAO PERCHÉ SEI MORTO
(Panzeri - Consiglio)

(Ao, ao, ao... Ao, ao, ao... Ao, ao, ao)

Maramao, perché sei morto?
E pan e vin non ti mancava
L'insalata era nell'orto
E una casa avevi tu

Le micine innamorate
Fanno colpite le fusa
Ma già la porta è sempre chiusa
E tu non rispondi più

"Maramao! Maramao!"
Fan le mice in coro
"Maramao! Maramao!"
Mao, mao, mao, mao, mao, mao!

Oh, Maramao, perché sei morto?
Ah, pan e vin non ti mancava
E l'insalata era nell'orto
E una casa avevi tu, eh...

(strumentale)

Maramao, perché sei morto?
Pan e vin non ti mancava
L'insalata era nell'orto
E una casa avevi tu

"Maramao! Maramao!"
Fan le mice in coro
"Maramao! Maramao!"
Mao, mao, mao, mao, mao, mao!

Maramao, perché sei morto?
Pan e vini non ti mancava
L'insalata era nell'orto
E una casa avevi tu!

(Ah, ah, ah) Shee-oon-dee-oon-dee
(Ah, ah, ah) Shee-oon-dee-oon-dee...

RITA PAVONE - 1968
* * *
MARCHARME DE AQUÍ (Fuggire da qui)
(Cesare De Natale - Maurizio Fabrizio - Julio César)

Una calle, una casa
Y la misma silla afuera, en la puerta
Y un chiquillo al que nadie enseñó
A sonreir jamás

Los recuerdos, que son tantos
Se abandona poco a poco, la mente
Vuelvo aquí, como tanto tiempo atrás
Y siento un mi interior un gran deseo de, de

De marcharme de aquí
De huir junto a ti
De alejarme muy lejos de aquí

El deseo de marchar, sin mirar hacía atrás
Y una voz que me grita, me grita, me grita
Que ame sin razón, ni porqué
Mi grita que ame, aunque no tenga fe

Marcharme muy lejos y volar, y volar
Sin, sin siquiera pensar
Siento las mismas ansias de

Marcharme de aquí (De marchar, fuggir da qui)
De huir junto a ti (Eh, marcharme de aquí... Yeah)
Alejarme muy lejos de aquí

Como cuando tomaste, di mi cuerpo, el secreto
Y de niña me hiciste mujer
Ah, necesito marcharme, ir seguiendo tus pasos
Con tu voz que me grita, me grita, me grita
Que ame sin razón, ni porqué
Me grita que ame, aunque no tenga fe

Y, y marcharme muy lejos y volar, y volar
Hey... Ah, sin buscar nada más
Siento las mismas ansias
De marcharme de aquí
De... (Na-na, na-na-na...).

RITA PAVONE - 1975
* * *
MARIA LUISA
(Tommaso - G. De Angelis)

Maria, Maria Luisa
Occhi azzurri chiari, chiari, dolci, dolci
Ho capito che lui pensa a te
Non è più sereno il cielo
Soffre tanto questo cuor
E lui non me l'ha detto ancora
Ma domani lo perderò

Hey! Maria, Maria Luisa
Un visino fresco, fresco, hmm, delizioso
Son sicura che lui pensa a te
Lo vorrei dimenticare
Ma è più forte, sai, di me
Io gli voglio ancora bene
Anche se lo perderò

Tuo, sarà tuo, per sempre tuo
E questo proprio non l'avrei mai detto
E soffro tanto, tanto da morire
E soffro tanto, tanto da morire

Mio! Non podrà più esser mio
Io credevo che l'avevi fatto
E soffro tanto, tanto da morire
E soffro tanto, tanto da morir...

(strumentale)

Maria, Maria Luisa
Occhi azzurri chiari, chiari, dolci, dolci
Io capito che lui pensa a te... Hey!
Non è più sereno il cielo
Soffre tanto questo cuor
E lui non me l'ha detto ancora
Ma domani lo perderò

Così, tuo, sarà tuo, per sempre tuo
E questo proprio non l'avrei mai detto
E soffro tanto, tanto da morire
E soffro tanto, tanto da morire

Mio! Non podrà più esser mio
E non credevo che l'avevi fatto
E soffro tanto, tanto da morire
E soffro tanto, tanto da morir... Yeee...

RITA PAVONE - 1970
* * *
MARIA LUISA
(Tommaso - G. De Angelis - García Lecha)

Maria, Maria Luisa
Ojos verdes claros, claros, dulces, dulces
Yo comprendo que él piensa en ti
No está ya sereno el cielo
Sufre tanto mi corazón
Y él no me lo dicho aún
Mas mañana lo perderé

Hey! Maria, Maria Luisa
Tu carita fresca, fresca, hmm, deliciosa
Estoy segura que él piensa en ti
Lo tendria que olvidar
Pero, es más fuerte, más que yo
Porque aún lo quiero tanto, aunque yo lo perderé

Tuyo! Será tuyo, por siempre tuyo
Y eso no la habría nunca dicho
Y sufro tanto, tanto que me muero
Y sufro tanto, tanto que me muero

Mio! No podrá más ya ser mio
Y no pensaba que lo hubiera hecho
Y sufro tanto, tanto que me muero
Y sufro tanto, tanto que me muero

Maria, Maria Luisa
Ojos verdes claros, claros, dulces, dulces
Yo comprendo que él piensa en ti
No está ya sereno el cielo
Sufre tanto mi corazón
Y él no me lo ha dicho aún
Mas mañana lo perderé

Así, tuyo! Será tuyo, por siempre tuyo
Y eso no la habría nunca dicho
Y sufro tanto, tanto que me muero
Y sufro tanto, tanto que me muero

Mio! No podrá más ya ser mio
Y no pensaba que lo hubiera hecho
Y sufro tanto, tanto que me muero
Y sufro tanto, tanto que me muero... Hmm... Yeah!

RITA PAVONE - 1970
* * *
MARIA LUISA
(G. De Angelis - V. Tommaso)

Maria, Maria Luisa
Olhos verdes claros, claros, doces, doces
Compreendo que ele pensa em você
O céu não é mais sereno
Sofre tanto o meu coração
Que ele não me deu ainda
Mas, amanhã o perderei

Maria, Maria Luisa
Um rostinho fresco, fresco, hmm, delicioso
Tenho certeza que ela pensa em você
Eu quero esquecer, mas é difícil para mim
Eu lhe quero bem ainda, mesmo se o perderei

Seu, será seu, pra sempre seu
E isto não pensei de fazer
E sofro tanto, tanto, tanto, tanto
E sofro tanto, tanto, tanto, tanto

Não! Será meu, todo meu
E isto eu não disse nunca
E sofro tanto, tanto, tanto, tanto
E sofro tanto, tanto, tanto, tanto

Maria, Maria Luisa
Um rostinho fresco, fresco, hmm, delicioso
Tenho certeza que ele pensa em você
Eu quero esquecer, mas é difícil para mim
Eu lhe quero bem ainda, mesmo se o perderei

Assim, seu! Será seu, pra sempre seu
E isto não pensei de fazer
E sofro tanto, tanto, tanto, tanto
E sofro tanto, tanto, tanto, tanto

Não! Será meu, todo meu
E isto eu não disse nunca
E sofro tanto, tanto, tanto, tanto
E sofro tanto, tanto, tanto, tanto... Hmm... Eh!

RITA PAVONE - 1970
* * *
MARILYN MONROE
(Timi - Righini)

Stasera sonno proprio non ne ho
Sono più su del normale
Adesso, mi trucco come Marilyn Monroe
Però, non sono poi male

(Ballo!) Sì, ballare, sentirti respirare
(Canto!) Sì, cantare è un po' volare
(Sento!) Sì, la musica come l'amore suona
(Suona!) Suona sì, con più calore

(strumentale)

Stasera sonno proprio non ne ho
Il letto può aspettare
Adesso, truccata come Marilyn Monroe
Le labbra a forma di cuore

* (Ballo!) Sì, ballare, sentirti respirare
* (Canto!) Sì, cantare è un po' volare
* (Sento!) Sì, la musica come l'amore suona
* (Suona!) Suona sì, con più calore

(strumentale)
* (ripetere)

(Ballo!) Sì, ballare e sentirti respirare
(Canto!) Sì, cantare è un po' volare
(Sento!) Sì, la musica come l'amore suona
(Suona!) Suona sì, con più calore. Yeah.

RITA PAVONE - 1979
* * *
MATILDA-MATILDA
(Thomas)

(applausi)

Hey! Matilda, Matilda
Matilda she take me money
and run Venezuela. Once again now!

Matilda, Matilda
Matilda she take me money
and run Venezuela

Five hundred dollars, friends, I lost
woman even sell me cat and horse
hey, Matilda she take me money
and run Venezuela. Everybody!

(Matilda) Sing out the chorus
(Matilda) Sing a little louder
Matilda she take me money
and run Venezuela. Once again now!

(Matilda) Going 'round the corner
(Matilda) Sing with the chorus
Matilda she take me money
and run Venezuela

Well, the money was to buy me house an' land
then she got a serious, serious plan
hey, ah! Matilda she take me money
and run Venezuela. Everybody!

Matilda, ho! Matilda, hey-ah!
Matilda she take me money
and run Venezuela. Once again now!

(Matilda, Matilda, Matilda...) (applausi)

RITA PAVONE - 1970
* * *
MEDLEY:

AMORE TWIST
(Bovenzi)

Pensando al nostro amore distrutto
Io guardo intorno a me
Ma non ti vedo accanto a me

Twist, twist! Hmm! Ho pensato a te
Twist, twist! Hmm! Se tu stavi con me
Twist, twist! Ah! Avresti ballato anche tu

Twist, twist! Ho pensato a te
Twist, twist! Se tu stavi con me
Twist, twist! Avresti ballato anche tu...

IL CIELO IN UNA STANZA
(G. Paoli)

Quando sei qui con me
Questa stanza non ha più pareti
Ma alberi, alberi infiniti

Mentre suona una armonica
Mi sembra un organo
Che vibra per te, per me
Su nell'immensità del cielo
Per te e per me, nel ciel...

CHE M'IMPORTA DEL MONDO
(MIgliacci - Enríquez)

Che m'importa del mondo
Quando tu sei vicino a me
Io non chiedo più niente al cielo
Se mi lascia te

Che m'importa del mondo
Se tu sei con me...

UNA ZEBRA À POIS
(Ciorciolini - Verde - Luttazzi)

Una zebra à pois
Ah, me l'ha data tempo fa
Uno strano marajá
Vecchio amico di papà

Una zebra à pois
Beh? Beh? Che c'è?
A pois, à pois, à pois!
A pois, à pois, à pois!

LA PARTITA DI PALLONE
(Rossi - Vianello)

Perché, perché?
La domenica mi lasci sempre sola
Per andare a vedere la partita di pallone
Perché, perché?
Una volta non ci porti pure me?

MOLIENDO CAFÉ
(Manzo - Deville)

Cuando la tarde languidece
Y renacen las sombras
Y es la quietud de los cafetales
Vuelven a sentir

Esta tristón canción de amor
De la vieja molienda
Que en el letargo de la noche
Se escucha gemir. Ah, ah, ah!

COME TE NON C'È NESSUNO
(Migliacci - Vassallo)

Come te non c'è nessuno... Non c'è
Così timido e solo
Se hai paura del mondo
Rimani accanto a me

Amore, dimmi
Cosa mai posso fare per te?
I pensieri dividi con me
Io ti voglio aiutare, hey, amor! Hey, amor!

Come te non c'è nessuno, non c'è...

CITTÀ VUOTA
(Cassia - Pomus - Shuman)

Le strade piene
La folla intorno a me
Mi guarda e ride
E nulla sa di me

Io vedo intorno a me
Chi passa e va
Ma vuota è la città
Vuota mi sembrerà
Se non torni tu.

PEL DI CAROTA
(Migliacci - Morricone)

Che m'importa se
Sono pelo di carota
Meglio aver la testa rossa
Che la testa tutta vuota

Che m'importa se
Ho un nasino dispettoso
E non nasconder che
È per questo che ti piaccio! Ah! Piaccio! Ahmm...

DUE NOTE
(Amurri - Faele - Canfora)

Due note
Volando sul cielo, ah
Sopra una nuvola
Sopra una nuvola

Sono due note
Della mia canzone
Forse son quelle
Che cantano il mio amore
Due notine d'argento
Che portano il mio cuore, da te...

STASERA CON TE
(Chiosso - Wertmüller - Pisano)

Stasera... Stasera
Sarà la prima sera mia con te
Mia con te

Finalmente per me, ci sei tu
Ho aspettato però, non c'è più, non c'è più
Più nient'altro che conti davvero
Soltanto noi, noi... Questa sera... Solo noi, noi!
Questa sera... Solo noi!

MINA & RITA PAVONE - 1965
Nota: Medley di canzoni del repertorio di Mina, cantata da Rita Pavone e viceversa, presentate nel programma della TV RAI 'Stasera Rita!'.  
* * *
MEIN JACK, DER IST ZWEI METER GROSS
(I'll wait and wait)
(Johannes Strauss - C. U. Blecher)

Hooh! Oh, yeah... Hooh!
Ah! Mein Jack, der ist zwei Meter gross
oh, woh, oh, woh, was tu ich bloss?
Was fang, ah, was fang, ah, was fang ich an
damit ich ihm imponieren kann?

Ich kauf mir ein Paar rote Schuh
und dann ein lila Kleid dazu
und einen grünen Hut, ju-hu!

Jackie Boy dann wirst du seh'n (So du seh'n)
wie die Männer Schlange steh'n (Schlange steh'n)
ja, die finden mich alle so schön (Come on!)

Mein Jack, der ist zwei Meter gross
woh, woh, oh, yeah, was tu ich bloss
was tu ich bloss mit diesem Mann?
Er sieh mich so von oben an

Ab morgen kämm' ich mir das Haar
dann holt man mich zum Film sogar
dann werde ich ein grosser Star!

Jackie Boy dann wirst du seh'n (So du seh'n)
wie die Männer Schlange steh'n (Schlange steh'n)
ja, die finden mich alle so schön! Wooh...

(instrumental)

Yeeeh... Ab morgen kämm' ich mir das Haar
dann holt man mich zum Film sogar
dann werde ich ein grosser Star!

Jackie Boy dann wirst du seh'n (So du seh'n)
wie die Männer Schlange steh'n (Schlange steh'n)
ja, das soll Jackie Boy dann mal seh'n eh, eh, eh, eh
ja, das soll Jackie Boy dann mal seh'n woh, woh...

RITA PAVONE - 1964
* * *
METTITI CON ME
(D'Ottavi - Chiosso - Pavone - Righini - De Martino)

(Stasera... Proviamo... Stasera... Ah, ah
 Stasera... Proviamo... Stasera... Ah, ah
 Stasera... Proviamo... Stasera... Ah, ah
 Stasera... Proviamo... Stasera... Ah, ah)

Non voglio l'erba voglio
Non mi piace Kathmandu
Non amo l'esorcismo, né lo yoga, né il vodou 
Hey, yeah, yeah, "-Ripeti." (Hey, yeah, yeah) Insieme a me!

I decibel sparati mi stordiscono di più
Scatenano i miei fianchi e di giri vado su
Hey, yeah, yeah,"-Ripeti." (Hey, yeah, yeah)
Ancora... Hey, yeah, yeah... Hey, yeah, yeah (Hey, yeah, yeah) Insieme a me!

Ah, mettiti con me
Sali questo ring
Ah, piacerà anche a te

(Dai, mettiti con me... Ti convincerai)

Ah, mettiti con me! Ti convincerai!
Mettiti e vedrai
Dentro gli occhi miei tutto ciò che vuoi

Stasera... Proviamo... Stasera... Ah, ah
Stasera... Proviamo... Stasera... Ah, ah

Non voglio l'erba voglio
E non mi piace Kathmandu
Non amo l'esorciscmo, né lo yoga, né il vodou
Ah, say: hey, yeah, yeah, yeah (Hey, yeah, yeah)
Ripeti! Hey, yeah, yeah... "-Ah, ancora." Hey, yeah, yeah (Hey, yeah, yeah) Insieme a me!

Ah, mettiti con me
Sali questo ring
Piacerà anche a te

(Dai, mettiti con me... Ti convincerai)

Ah, mettiti con me! Ti convincerai!
Ah, mettiti e vedrai
Dentro gli occhi miei tutto ciò che vuoi

Stasera... Proviamo... Stasera... Ah, ah
Stasera... Proviamo... Stasera... Ah, ah
Stasera... Proviamo... Stasera... Ah, ah
Stasera... Proviamo... Stasera... Ah, ah...

RITA PAVONE - 1979
* * *
MILLE ANNI FA (Once upon a time)
(Strouse - Adams - adattamento italiano di Rita Pavone)

Mille anni fa
Uno sguardo chiaro m'incantò
Disse: "T'amerò per sempre se lo vorrai"
Ma era mille anni fa
E il tempo ne è passato ormai

Mille anni fa
Stesi su un prato a naso in su
Sfodavamo il cielo e la sua immensità
Ma era mille anni fa
Quel prato adesso non c'è più

Soffiavi il vento
Giocava coi capelli suoi
Ridevamo insieme
Il mondo intero eravamo noi
Due ragazzi all'alba dell'eternità
Che ne è stato poi?

Mille anni fa
O mille giorni... Non so più?
Ci apparteneva il mondo
E tu appartenevi a me
Me era mille anni fa
Quel tempo ormai non torna più.

RITA PAVONE - 2013
* * *
MINI DONNA
(F. Nebbia - Chopin - S, Cipriani)

Sono proprio mini, mini, piccolina
Minutina, bambolina, patatina
Mini mani, mini piedi, braccia mini
Faccia mini, tutto mini in quantità
Però posseggo tanti qualità

Perché son brava, a fare un po' di mini
Stiro mini, cuci mini e lava mini
Mangia tutto con perfetta abilità
Perció, mi pagan sempre la metà

Considerando che io sono
Piccola come una bambola
Ma, brava come una bisavola
Io lavo, cucio, stiro scopo
Forte e frullo con velocità

E guardo nelle strade libere
Ci sono gli amanti che passeggiano felici-iii...
Mentre il mio lavoro cresce
Sogno ad occhi aperti la mia liberà

E dalla radio sento un festival
Che lancia le canzoni tenere
E canto per rifarmi il cuore
Canto quello amore che non so cos'è!

Ho l'anima piena di musica
Ma, vivo chiusa in una camera e...
Stiro sottovesti e maglie
Camici e vestaglie con i falpalà

Io sono stanca di stirar
Pizzi e trini e camici
Notte e giorno sogno
Di andar via di qua
Di poter fuggire libera, ma...

Sono proprio mini, mini, piccolina
Minutina, bambolina, patatina
Mini mani, mini piedi, mini braccia
Mini faccia, soprattutto mini prigioniera
In questa mini prigione nera

Dove mi tocca far la camiciaia
La pantalonaia ed anche la bustaia
E poi la cravattaia e meglio la fiammiferaia
La camiciaia non la voglio far

Non la voglio fare
Se trovo un giovane molto romantico
Scappiamo sopra un transatlantico
Per ridere, amarci, correre
Dal Polo Antartico al Polo Nord

E basta con le trine morbide
Con una stupida vita monastica, sì...
Non so più una mini femmina
Sono una bomba, adesso scoppierò!

RITA PAVONE - 1970
Grazie ad A. Arenas per copiare il testo della canzone, soltanto sentindola del disco. Anche grazie a C. Tomeo, per la revisione finale.
* * *
MIT 17 SOLL MAN NICHT WEINEN
(Heinz Buchholz - Günter Loose)

Hey, Boy, was ist los mit dir
du gehst niemals aus mit mir
ich trage ein schönes Kleid
nur du, du hast keine Zeit
nun bin ich hier und sage mir
mit siebzehn soll man nicht weinen

Das alles, alles kommt von Amore
da fällt man immer wieder darauf rein
das alles, alles kommt von Amore
eh, nein, nein, nien, musst das sein?
Nein, nien, nien, woh, woh, woh

Oh, hey, Boy, du lasst mich allein
für dich bin ich viel zu klein
zu gross ist mein Augenpaar
zu kurz ist mein rotes Haar
nun bin ich hier und sage mir
mit siebzehn soll man nicht weinen

Das alles, alles kommt von Amore
da fällt man immer wieder darauf rein
ah, das alles, alles kommt von Amore
eh, nein, nein, nien, musst da sein?
Nein, nein, nein, nein, nein, nein, nein

Eh, eh, hey, Boy es ist viel geschehen
mich fand jemand wunderschön
und nun da kommst du vorbei
doch du bist mir einerlei
nun bist du hier und ich sag' dir
mit siebzehn soll man nicht weinen
mit siebzehn soll man nicht weinen!

RITA PAVONE  - 1964
* * *
MOI SANS TOI (Solo tu)
(Simille - Delancray - Bakalov)

Je t'aime
J'aurais dû te dire que je t'aime
Mais qui de nous a plus de peine
Toi qui viens de partir sans me regarder
Moi qui trouvais les mots pour mieux te blesser?
Pourtant, sans toi

Moi, moi sans toi, moi sans toi
C'est la Terre qui tourne sans Soleil
Moi sans toi, moi sans toi
Je ne pourrais vivre
Sans toi et ton amour

Moi sans toi, moi sans toi
C'est la nuit sans une étoile au ciel
Moi sans toi, moi sans toi
Je ne peux pas vivre

(instrumental)

On a souvent du mal, du mal qu'on a fait
Il faut baisser les yeux pour ne pas pleurer

Mon amour
J'attendrai, mon amour, ton retour
J'irai te trouver dans ta chambre
Me glisser dans tes bras, me faire pardonner
Te raconter ma peur et je te dirai:

Moi, moi sans toi, moi sans toi
C'est la Terre qui tourne sans Soleil
Moi sans toi, moi sans toi
Je ne pourrais vivre
Sans toi et ton amour

* Moi sans toi, moi sans toi
* C'est la nuit sans une étoile au ciel
* Moi sans toi, moi sans toi
* Je ne peux pas vivre
* Sans toi et ton amour

* ( répéter)

Moi sans toi, moi sans toi...

RITA PAVONE - 1973
* * *
MONSIEUR CHARLOT
(T. Lendager - P. Dehnhardt - B. Bergman)

Un chapeau melon sur un frac
Une petite moustache qui'a pas le trac
Qui se dandine sur un piano swing
En synchro sur une vieille bobine

Cinéma muet
Viens nous raconter
Charlot et son épopée

De tes grands souliers (Grands souliers)
Aux petits chaussons (Petits chaussons)
Y'a qu'un pas de satin blanc (Tchou-rou-rou!)

Tchou-tchou, cou, tchou, Monsieur Charlot
Cou-cou, bravo et à bientôt
Tchou-tchou, cou, tchou, Monsieur Charlot
Cou-cou, bravo et à bientôt

Sur les vieux écrans, tu riais
En noir et blanc, tu pleurais
Un petit signe de la main
Et un clin d'oeil sur le mot: FIN

Cinéma muet
Viens nous raconter
Charlot et son épopée

De tes grands souliers (Grands souliers)
Aux petits chaussons (Petits chaussons)
Y'a qu'un pas de satin blanc

Tchou-tchou, cou, tchou, Monsieur Charlot
Cou-cou, bravo et à bientôt
Tchou-tchou, cou, tchou, Monsieur Charlot
Cou-cou, bravo et à bientôt

(instrumental)

Tchou-tchou, cou, tchou, Monsieur Charlot "-Monsieur Charlot!"
Cou-cou, bravo et à bientôt "-À bientôt!"
Tchou-tchou, cou, tchou, Monsieur Charlot "-Monsieur Charlot!"
Cou-cou, bravo et à bientôt "-Ah, ah! À bientôt!"

Tchou-tchou, cou, tchou, Monsieur Charlot "-Monsieur Charlot!"
Cou-cou, bravo et à bientôt "-Oooh!"
Tchou-tchou, cou, tchou, Monsieur Charlot "-Monsieur Charlot!"
Cou-cou, bravo et à bientôt!

RITA PAVONE - 1979
Merci à M. Dumont pour avoir transcrit le texte de la chanson, seulement en écoutant le disque.

* * *
MONSIEUR MARCELLO
(T. Lendager - P. Dehnhardt - B. Bergman)

"-Il n'y a pas de sot métier. Il n'y a que des sots bornés. Mais l'histoire de Marcello peut en témoigner. C'est l'homme qui compte, pas le métier."

Complet blanc et le coeur aussi gros qu'un melon de Montana
Il avait plutôt mauvaise réputation
Il gagnait sa vie aux dés, aux chevaux mais son vrai dada
S'appelait Lara, Monica et Manon

Monsieur Marcello (Monsieur Marcello)
C'était le grand amour de ces dames (Monsieur Marcello)
Qui vendaient pour pas cher leurs charmes de femmes
De braves filles, au teint vanille

Monsieur Marcello (Monsieur Marcello)
C'était pour ainsi dire l'amant unique (Monsieur Marcello)
De ces femmes à la vertu un peu élastique
Monsieur Marcello

"-Il n'y a pas de sot métier. C'est l'homme qui compte. Ne l'oublie jamais."

Il était le père Noël que je n'ai toujours pas connu
Il aimait les femmes et les gosses, rien de plus
Le sirop de grenadine, les jours d'école buissonnière
C'était toujours lui qui le versait dans mon verre (Ha, ha!)

Monsieur Marcello (Monsieur Marcello)
C'était le grand amour de ces dames (Monsieur Marcello)
Qui vendaient pour pas cher leurs charmes de femmes
De braves filles, au teint vanille

Monsieur Marcello (Monsieur Marcello)
C'était pour ainsi dire l'amant unique (Monsieur Marcello)
De ces femmes à la vertu un peu élastique
Monsieur Marcello

On a démoli le bar Tivoli, c'était son quartier général
Qu'est-il devenu? Je ne l'ai pas revu
Ce monsieur pas du tout banal (Pas du tout banal!)
Pas du tout banal!

Hmm, monsieur Marcello (Monsieur Marcello)
C'était le grand amour de ces dames (Monsieur Marcello)
Qui vendaient pour pas cher leurs charmes de femmes
De braves filles, au teint vanille

Monsieur Marcello (Monsieur Marcello)
C'était pour ainsi dire l'amant unique (Monsieur Marcello)
De ces femmes à la vertu un peu élastique
Monsieur Marcello

Monsieur Marcello (Monsieur Marcello)
C'était le grand amour de ces dames...

RITA PAVONE - 1979
Merci à M. Dumont pour avoir transcrit le texte de la chanson, seulement en écoutant le disque.
* * *
MONTAGNE VERDI
(Bigazzi - Bella)

Mi ricordo montagne verdi
E le corse di una bambina
Con l'amico mio più sincero:
Un coniglio dal muso nero

Poi, un giorno, mi prese il treno
L'erba, il prato e quello ch'era mio
Scomparivano piano, piano
E piangendo parlai con Dio

Quante volte ho sognato il sole
Quante volte ho mangiato sale
La città aveva mille sguardi
Io sognavo montagne verdi

Il mio destino è di stare accanto a te
Con te vicino più paura non avrò
E un po' bambina tornerò...

Mi ricordo montagne verdi
Quella sera negli occhi tuoi
Quando hai detto: "S'è fatto tardi
t'accompagno se tu lo vuoi."

Nella nebbia senza parlare
La tua storia è la mia storia
Poi, nel buio, senza parlare
Ho dormito con te sul cuore

Io ti amo mio grande amore
Io ti amo mio solo amore
Quante volte ho cercato il sole
Quante volte ho cercato il sole

Nai, nai, nai... Nai, nai, nai, nai, nai...

Il mio destino è di stare accanto a te
Con te vicino più paura non avrò
E un po' più donna io sarò

Nai, nai, nai... Nai, nai, nai, nai, nai...

RITA PAVONE - 1972
* * *
MONTAÑAS VERDES (Montagne verdi)
(Bigazzi - Bella)

Yo recuerdo, montañas verdes
Y los juegos de una niñita
Y el amigo mio más sincero:
Un conejo de hocicos negros

Pero, un día, subí al tren
Casa, prado, aquello que era mío
Se perdian, alla, a los lejos
Y, llorando, hablé con Dios

Cuántas veses buscaba el sol
Cuántas veses comía sal
La ciudad tiene mil miradas
Yo soñaba montañas verdes

Y mi destino es quedarme junto a ti
Contigo cerca, yo miedo jamás tendré
Y un poco niña volveré

Yo recuerdo, montañas verdes
Una noche, en los ojos tuyos
Me dijiste: "Se ha hecho tarde.
Te acompaño, si quieres tú"

En la niebla, aquellas palabras
Y tu historia era mi historia
Pero, a oscuras y sin hablarte
Me dormí en tu corazón

Yo te quiero, mi gran amor
Yo te quiero, primero amor
Cuántas veses buscaba el sol
Cuántas veses buscaba el sol

Na-nai-nai, nai-nai-nai, nai-na-na
Nai-nai-nai, nai-nai-nai, nai-na-na...

Y mi destino es quedarme junto a ti
Contigo cerca, yo miedo jamás tendré
Y un poco niña volveré

Nai, nai, nai... Nai-nai-nai, nai-nai, na
Nai-nai-nai, nai-nai, nai, na-na
Nai-nai-nai, nai-nai, nai, na-na
Nai-nai-nai, nai-nai, nai, na-na
Nai-nai-nai, nai-nai, nai, na-na...

RITA PAVONE - 1972
* * *
MUSIC IS LOVE
(Pavone - Pellegrino - Righini - Carrington)

Voci di bimbi che giocano
Canti di gente che è senza età
Sguardi e sorrisi equivalgono
A rinascere ed è semplice

Cerchi di fumo che salgono
Macchie naïve essi sembrano
Davanti, nessun ostacolo
E va la fantasia, dolce poesia

Music is love, music is love, music is love, love, love
Music is love, music is love, music is love

Woodstock, così, ti ricordo io
Ma, i contorni sbiadiscono
È nuovamente riperderti
Non è più fantasia, è già malinconia

Music is love, music is love, music is love, yeh, yeh, yeah
Music is love, music is love, music is love, yeh, yeh, yeah

(strumentale)

Music is love, music is love, music is love, yeh, yeh, yeah
Music is love, music is love, music is love, love, love
Music is love, music is love, music is love
Music is love, love, love, love... Music is...

RITA PAVONE - 1979
* * *
MY BABY LEFT ME
(Arthur Crudup)

("-Oh, yeah... Baby... I love you so much... Oh, yeah... Don't forget me baby... Oh... Come on now.")

Baby left me
never said a word
was it something I done?
Something that she heard?

My baby left me
my baby left me
my baby even left me
never said a word

* I stand by my window
* hang my head and cry
* I hate to lose that woman
* I hate to say good-bye

* My baby left me
* my baby left me
* my baby even left me
* never said a word

(instrumental)
* (repeat twice)

I say: "My baby left me"
never said a word
I know, my baby left me
never said a word.

RITA PAVONE & THE TALISMEN (instrumental) - 1965
* * *
MY INDIAN SUMMER (My Indian summer) (Perduta)
(R. Pavone - Carolain - M. Colucci)

I miss my Indian summer in this mellow breeze
I throw a stick to my dog in the park
sparkling lights from the sun on the high road
I'll send a message for you to feel, to ease your mind
try to reach my hand out, imagine that you're here
whatever happened to that year?

My Indian summer in disguise
my Indian summer with our eyes
now it's just a masquerade without a name
leaving to go back one day
going back to stay...

(instrumental)

I miss my Indian summer while the sun is setting down
I throw away the dog stick and leave the deserted park
try to reach my hand out, imagine that you're here
whatever happened to that year?

My Indian summer in disguise
my Indian summer with our eyes
now it's just a masquerade without a name
leaving to go back one day
going back to stay...

(instrumental)

Walking on the high road where everything is dark
reminding me the message I sent you once before
try to reach my hand out, imagine that you're here
whatever happened to that year?

My Indian summer in disguise
my Indian summer with our eyes
now it's just a masquerade without a name
leaving to go back one day
going back to stay...

RITA PAVONE - 1987
* * *
MY INDIAN SUMMER (Perduta)
(R. Pavone - M. Colucci)

Disordine totale sulla vecchia scrivania
Mucchi di scartoffie, da gettare
E in mezzo a quelle carte senza valore
Trovo una tua foto e mi si sballa il cuore

Mia madre sta chiamando, è ora di cenare
Ma chi a voglia di mangiare?

My Indian summer perduta
Tu, in questa foto appassita
Il tempo ha lavorato in fretta, sopra il tuo viso
Ma non ha spento dai tuoi occhi, quel tuo sorriso

Canada Orientale, esplosione di colori
La tua estate indiana sembra un film americano
Tu mi stringi forti i polsi e col tuo accento strano dici:
"Non dimenticare che ti amo!"

Ahi, ahi, ahi... My Indian summer perduta
Tu, in questa foto appassita
Il tempo ha lavorato in fretta, sopra il tuo viso
Ma, ma non ha spento dai tuoi occhi quel tuo bel sorriso

(strumentale)

Ora questa stanza ha il calore del tuo corpo
Apro la finestra a vetri che dà sulla grande via
L'aria intorno è ancora calda e non mi fa pensare
Che fra due mesi qui sarà Natale

Perché sei tu... My Indian summer perduta
Tu, in questa foto appassita
Il tempo ha lavorato in fretta, sopra il tuo viso
Ma non ha spento dai tuoi occhi, quel tuo sorriso, sorriso...

RITA PAVONE - 1985
* * *
MY NAME IS POTATO
(S. Bellucci - F. Federighi)

"-Ehi... Ehi! Tu!" (patata: "-Who me?")
"-Sì, sì, sì! Tu!" ("-What do you wanna know?")
Tu sei la patata... ("-No! I'm not a patata! I'm a potato!")
Oggi rinomata ("-That sounds good!")
L'accento un po' straniero ("-Yeah, yeah, that's true!")
Dell'americano impero ("-Sure! I'm an American potato!")

Tu... (Tu) Oh, oh, oh... Tu ("-That's me!")
Tu sei un animale ("-No, no un animale!")
Non mangi la carne, né erba, né uova
Ti nutri soltanto di terra sola

Tu... (Ahhh...) Oh, oh, oh... Tu... Sei la patata
Se ti parlo, la tua voce mi risponde
Stranamente con accento straniero:
My name is Potato! ("-My name is Potato!")

Potato! ("-Potato?") Potato! (Potato!) Potato! ("-Potato? Grrr! I'm a potato!")
My name is Potato! ("-Potato?") Potato! (Potato!)
Potato? ("-I'm a potato!") (My name is Potato!)
My name is Potato! ("-Potato?") Potato! ("-Me? Oh, sì!") Potato! ("-I'm an American potato!")
My name is Potato! ("-Potato?") Potato! ("-I'm a potato!") Potato! ("-Potato?")

"-Ehi! Tu!" ("-Me?")
"-Sì! Certo! Tu!" ("-What do you wanna know?")
Tu sei la patata... ("-Oh, not a patata! I'm a potato!")
Oggi rinomata ("-Oh, I told you that before!")
L'accento un po' straniero... ("-Yeah, yeah, that's true!")
Dell'americano impero ("-Because, I'm not American. I'm an American potato!")

Tu... (Tu) Oh, oh, oh... Tu
Tu sei un animale ("-Grrr, grrr!")
Non mangi la carne, né erba, né uova
Ti nutri soltanto di terra sola

Tu... (Tu) Oh, oh, oh... Tu... Tu sei la patata
Se ti parlo, la tua voce mi risponde
Stranamente con accento straniero:
My name is Potato! ("My name is Potato!")

Potato! ("-Potato?") Potato! ("-Potato?") Potato! ("-My name is Potato!")
Oh, my name is Potato! (Potato!) Potato! ("-Potato?") Potato! (My name is Potato!)
My name is Potato! (Potato!) ("-Oh, potato! Let me go! Potato?") Potato!
My name is Potato! (Potato!) Potato! (Potato!)
Potato? ("-Patata, no: potato! I'm a potato!")

Tu... Oh, yeah, one more... Oh, oh... Tu... ("-Ugh!") Tu sei la patata
Se ti parlo, la tua voce mi risponde
Stranamente con accento straniero ("-Let me go again!")
My name is Potato! ("-My name is Potato!")

Potato! ("-Potato?") Potato! (Potato!) Potato! (My name is Potato!)
Oh, my name is Potato! (Potato!) Potato! (Potato!) Potato! ("-I'm a potato")
My name is Potato! (Potato!) Potato! (Potato!) Potato? (My name is Potato!)
Oh, my name is Potato! ("-Potato?") Potato! (Potato!) Potato? ("-Yeah! That's me!")
My name is Potato! ("-I'm an American potato!") Potato! (Potato!) Potato? (My name is Potato!)
My name is Potato! (Potato!) Potato...

RITA PAVONE - 1977
* * *

Nenhum comentário:

Postar um comentário